un giornale per ritornare a raccontare i lavori, la scuola, i quartieri, l'innovazione sociale e le povertà, senza localismi, ma con lo sguardo al mondo e un nuovo inizio (a sinistra).

ABBONATI >>
LA CITTÀ NON RICEVE CONTRIBUTI PUBBLICI E NON HA SPONSOR PRIVATI, PERCHÉ HA SCELTO DI ESSERE FINANZIATA SOLO DAI SUOI LETTORI.

IN ABBONAMENTO O PRESSO LIBRERIE INDIPENDENTI DI GENOVA

Quello che ci proponiamo è di costruire uno spazio che esca dai luoghi comuni, dalla propaganda, dal diffuso conformismo del verde pesto e del rosso carpet. Che contribuisca a raccontare ciò che da tempo non è più guardato: dal lavoro alla scuola, ai quartieri, all’innovazione sociale. La diffusione delle povertà. Con l’obiettivo di contribuire alla definizione di un nuovo progetto per Genova. Senza nessuna aspirazione a definire una “linea” della rivista o un gruppo di consenso elettorale, ma a essere strumento di una sinistra plurale, anche disomogenea, che ha voglia di capire e misurarsi con il reale. Potremmo dire quella “sinistra che non c’è” e di cui in molti sentiamo la mancanza. O quella sinistra che ha compreso che la sconfitta è stata prima sociale e culturale e solo dopo politica.

TORNARE A RACCONTARE IL LAVORO, LA SCUOLA, I QUARTIERI, IL SOCIALE. PER UN NUOVO INIZIO

I tempi, inutile sottolinearlo, non sono facili. Si è sedimentata una propensione diffusa ai miti anziché alla realtà. Gli imprenditori politici della paura hanno contribuito non poco nella produzione di stereotipi, capri espiatori, imbarbarimenti linguistici. Nel giro di pochi anni si è consumata una trasformazione antropologica delle culture e dei valori. Una frantumazione linguistica che non è solo, e non sarebbe comunque poco, tra le generazioni, ma è più profonda e rimanda a valori, comportamenti, sensi comuni. Una frantumazione linguistica che è anche concettuale. E se sarebbe ingenuo pensare di poterne modificare i caratteri senza un nuovo e profondo movimento sociale, è comunque possibile ritornare a farci i conti. Esserne consapevoli e non solo osservatori disarmati o spaventati. Per questo vorremmo dare spazio a tutte quel-le esperienze che promuovono insieme qualità della vita e conoscenza del territorio. Perché è anche da lì che deve ripartire un progetto politico.

In ogni numero

  • Un racconto per immagini di un grande fotografo
  • Un dossier per approfondire un tema ogni mese
  • Idee e contributi su le sfide e i blocchi di Genova
  • Un fumetto e un racconto d'autore